La battaglia navale di Conte e Di Maio

Il governo giallo-verde muove i suoi primi passi, lo spread risale, gli sbarchi riprendono e sul futuro del Paese si addensano nuvole più o meno cariche di pioggia.
Ce n’è abbastanza per scatenare la fantasia di Madetù. Alla politica, il nostro disegnatore satirico in versione soo testo dedica praticamente tutta la striscia settimanale. Non senza battute memorabili come quella della battaglia navale, che merita la copertina.
Come sempre, buon divertimento e buona domenica.

* * *
BATTAGLIA NAVALE

Conte parteciperà al G7. Naturalmente è emozionato e chiede consiglio a Luigi Di Maio.
“Luì, io al G7 ci parlo e rispondo col B4. Ma tu sei sicuro che poi la nave l’affondo?”

L’ILVA? NON AUMENTA

Di Maio zittisce Grillo.
“Abbiamo già detto che l’Ilva non aumenterà!”.

DIOSCURI

Di Maio, visibilmente contrariato, si rivolge a Salvini.
“Mattè, qua i soliti giornalisti saputoni ci definiscono i due dioscuri…!”. “Embeh?  Cosa c’è che non ti convince Luigi?”.
Di Maio, volgendo le mani verso il suo volto, sbotta: “Ma non lo vedi? Qua l’unico dio scuro sono io!”

CONGIUNTIVI

Il Presidente del Consiglio Conte ha fatto una gaffe sul fratello del Capo dello Stato, Piersanti Mattarella, ucciso dalla mafia.
Lo ha chiamato “un suo stretto congiunto”.
Di Maio ha sùbito solidarizzato, ricordandogli il suo stretto congiuntivo.
EVASORI
– Il nuovo Governo ha promesso che i grandi evasori finiranno dritti in carcere.
– Era ora che pagassero anche loro…
– Pagheranno, pagheranno… Per evadere!

MERCENARI E IMPIEGATI

Polemiche sulla società in cui ha operato in passato il neo ministro della Difesa, Elisabetta Trenta.
“Non formavamo mercenari ma impiegati”.
Impiegati a diventare mercenari…

CONFERENZIERE

– Matteo Renzi ha capito cosa farà da grande: il conferenziere.
– In fondo è la cosa che gli riesce meglio: parlare!
(copyright Arcan58)

FLAT TAX

La Tunisia convoca l’ambasciatore italiano.
Non sono piaciute affatto le parole espresse da Salvini.
Incredibile come la Flat Tax spaventi anche i tunisini!

Facebook Comments

Autore: Geppe Inserra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *