Il fascino antico di Monte Sant’Angelo e delle Tremiti

Monte Sant’Angelo e le Isole Tremiti sono le località garganiche più rappresentate, e da più tempo. Lo dimostrano queste splendide immagini che ho reperito nei miei pellegrinaggi sul web, in quelle inesauribili risorse di conoscenza e di condivisione che sono Gallica, la biblioteca digitale della Bibliothèque nationale de France, e Archive.Org (ma quando riusciremo a fare qualcosa del genere anche in Italia?). Mi piace condividerle con gli amici e i lettori di Lettere Meridiane: per poterle guardare tutte, scorrete il post fino alle fine. 

 

Le immagini delle Isole Tremiti e dell’apparizione di San Michele Arcangelo sul Gargano risalgono al 1615, e sono tratte dal volume Le Pélerin véritable de la Terre Saincte un bell’esempio di letteratura odeporica, arricchito da una interessante ed ampia collezione di illustrazioni, un approccio multimediale antelitteram, insomma.

Gli splendidi disegni delle porte di bronzo e dell’interno della Basilica di San Michele di Monte Sant’Angelo vengono invece dalla Germania.

Risalgono al 1914 e sono contenute nel libro Apulien di Rudolf Pagenstecher, un’autentica guida turistica sulla Puglia uscita quando in Italia non esistevano ancora pubblicazioni del genere.

Tutte le immagini sono state restaurate digitalmente da Lettere Meridiane. Per scaricare le prime (apparizione di San Michele e isole Teremiti) cliccateci sopra, e poi con il tasto sinistro del mouse effettuate il download. Per scaricare quelle delle porte di bronzo e dell’interno della Basilica, utilizzate i link sottostanti. Le immagini sono in alta risoluzione. Buona visione.

Porte di bronzo  |   Interno basilica

Facebook Comments

Autore: Geppe Inserra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *