1923, un episodio di eroismo alla stazione di Foggia

Foggia e i comuni della sua provincia sono stati spesso gratificati della copertina della Domenica del Corriere, con i disegni del grande Achille Beltrame.
Memorie meridiane ve ne farò omaggio, cogliendo l’occasione per raccontarvi pillole di storia locale.
Che i disegni di Beltrame rappresentino una forma, grande di graphic journalism è messo efficacemente in evidenza dalla copertina della Domenica del Corriere del 17 giugno 1923 in cui il disegnatore illustra da par suo un episodio che si era verificato il precedente 3 giugno alla stazione di Foggia.
Un atto di eroismo che aveva visto protagonista il capostazione aggiunto Giuseppe Festa. Il ferroviere aveva tratto il soldato Antonio Nappa stava per essere investito da una locomotiva incurante del pericolo si era precipitato davanti al treno ed era riuscito a trarre in salvo il militare, tra gli applausi della folla che aveva assistito alla scena.
L’eroico gesto del capostazione aveva destato viva sensazione, spingendo il comandante dell’ufficio militare della stazione, capitano Chieffo, a proporre un encomio per il ferroviere, con la seguente motivazione: “Con alto spirito di sacrificio ,incurante del pericolo al quale si esponeva, visto che un soldato stava per essere investito da un treno in corso, si slanciava sul binario quando già il soldato era stato toccato dal respingente della locomotiva e prendendolo fra le braccia riusciva ad evitare una grave e certa disgrazia).
L’immagine che illustra i post è un particolare della copertina, che potete vedere qui sotto, in dimensione ridotta. Potete scaricarla in alta risoluzione, cliccando qui.


Vi ricordo che quotidianamente o quasi Memorie Meridiane regalerà ad amici e lettori del blog gadget digitali (antiche carte, cache riguardano il passato e la storia del territorio.
Ieri la prima puntata della nuova rubrica, con le tavole dedicate alla Capitanata dell’Atlante Geografico del Regno di Napoli di Giovanni Rizzi Zannoni.
Continuate a seguirci.

Facebook Comments

Autore: Geppe Inserra