Print Friendly, PDF & Email
Torna in Capitanata Ralph De Palma, il leggendario pilota
automobilistico che più di tutti ha vinto nello sport a quattro ruote, e che
nacque a Biccari. Il Comune di Biccari gli ha infatti dedicato un artistico
busto, opera dello scultore e docente Fabio Casiero, che ritrae il grande
campione automobilistico e realizzato in terracotta, ferro e ottone.
Casiero ha dato il meglio di se stesso, facendo dell’opera
una sorta di summa del suo modo di intendere d’arte: se da un lato la manualità
incontra la plasticità e la duttilità dell’argilla al fine di rendere umano e
carico di espressività e delicatezza il volto del grande corridore, d’altro la
forza del ferro e dell’ottone – con i quali sono stati realizzati il casco e
gli occhiali da corsa – ne enfatizza quell’energia e quella tenacia che gli
permisero di diventare l’uomo più veloce del mondo e di raggiungere un palmares
di vittorie che rappresenta un record inavvicinabile.    

De Palma è stato colto nel momento di maggior serenità e
consapevolezza del suo essere, fiero e tenace e con quel suo sorriso di estrema
bellezza che lascia trasparire il suo animo nobile e dolce. Il piedistallo,
realizzato anch’esso in ferro, con il suo andamento curvilineo, rappresenta lo
slancio, la velocità e la voglia di andare sempre più in alto. I materiali scelti
si fondono in un tutt’uno al fine di celebrare un uomo che ha consacrato il suo
spirito e la sua vita al mito della velocità.
Il busto viene esposto in anteprima nella mostra
documentaria e fotografica “Ralph De Palma. Il ‘foggiano volante’ eroe di
Indianapolis”, organizzata dal neonato ‘Comitato Promotore per le
celebrazioni di Ralph De Palma’. La mostra è stata inaugurata qualche giorno
fa, alla presenza del Sindaco Gianfilippo Mignogna, di altri rappresentanti
istituzionali. È stata curata dal giornalista Maurizio De Tullio, che del
‘Comitato’ è anche portavoce (a presiederlo è invece lo stesso Sindaco Mignogna). 
L’esposizione è nella Sala Conferenze del Comune, in piazza
Municipio.
Facebook Comments