Print Friendly, PDF & Email

Un’avvertenza per l’uso. Il sondaggio di Lettere Meridiane sulle opere pubbliche in Capitanata non ha alcun valore scientifico. Il campione è del tutto casuale e non  pretende  di rappresentare l’universo della pubblica opinione provinciale. Alle domande hanno risposto per lo più i lettori del blog e i miei amici di facebook, che ringrazio affettuosamente .
Tutto ciò premesso, mi pare che nondimeno i risultati del sondaggio che sto per illustrarvi siano parecchio indicativi di uno stato d’animo diffuso nella cittadinanza. Il dato che emerge, inequivocabile, è il giudizio  compatto sulla necessità e l’urgenza della riqualificazione della pista dell’aeroporto Lisa,  che vince la partita nel quesito secco e si piazza al secondo, per una questione di decimali, al secondo quesito.
Il rilancio dell’aeroporto Lisa è insomma l’opera che sta maggiormente a cuore dei foggiani, che comunque ritengono, come vedremo, nevralgiche un po’ tutte le opere pubbliche in Capitanata, i cui cantieri stanno conoscendo una fase tutt’altro che esaltante.
La prima domanda, Quale grande opera per la Capitanata?, chiedeva di indicare una sola opzione tra le dieci prospettate, con la possibilità comunque di inserire un’opzione a scelta.

L’allungamento della pista ha totalizzato il 45,65 per cento delle indicazioni. La seconda opera pubblica maggiormente suffragata dai partecipanti al sondaggio è il treno tram, che però si piazza con un considerevole distacco, raccogliendo il 7,61 delle indicazioni. Segue quindi un gruppo di opere, che totalizzano il 6,52 per cento ciascuna: la realizzazione dell’alta capacità ferroviaria Napoli-Foggia-Bari,  la Pedesubappennnica, il raddoppio della statale 16, tra Foggia e Termoli.
Quindi ecco, con il 4.35% la costruzione della seconda diga sul Fortore, a Piana dei Limiti, e  il completamento del versante settentrionale (Vico – Peschici – Vieste) della Superstrada Garganica.
Il completamento della stessa arteria, ma nel versante meridionale (Mattinata – Vieste) e il raddoppio della ferrovia Lesina-Termoli catturano rispettivamente il 3,26 e il 2,17%. Scarsa attenzione sembra invece suscitare la realizzazione del secondo casello autostradale a Incoronata: prossime  allo zero le preferenze per questa opera.
Ai partecipanti al sondaggio era anche consentito di esprimere un’opzione aperta, segnalando  un’opera o un progetto non compreso nell’elenco. Significativo il numero (il 13% circa) dei lettori che hanno utilizzato questa opportunità. Il 2.17% ha indicato la sua priorità nel miglioramento della viabilità interna della provincia, con particolari riferimento alle aree interne del Subappeninno. Per il resto, le indicazioni sono state piuttosto interessanti, anche se spesso si riferiscono a progetti non ancora finanziati, e in qualche caso addirittura fantasiosi: c’è chi vuole l’aeroporto a San Severo, chi la realizzazione di una variante autostradale tra Cerignola, Manfredonia e San Giovanni Rotondo. Altri rilanciano l’interporto di Incoronata e il porto di Manfredonia. Decisamente suggestiva, invece, l’idea di un Auditorium del Gargano, che sottolinea l’endemica carenza di contenitori di alto livello nel promontorio.
Il secondo quesito posto all’esame dei partecipanti all’iniziativa di Lettere Meridiane chiedeva di valutare le stesse opere, ma in modo più ragionato, esprimendo una valutazione (da 1 a 5: dove 1 indicava un  giudizio negativo, 3 uno medio e 5 il massimo).
La media complessiva di tutti i punteggi attribuiti dai lettori è di 3,37 punti, dunque è  più che sufficiente il giudizio sull’utilità complessiva delle opere pubbliche valutate. Un po’ a sorpresa, l’opera che ottiene il l’apprezzamento  più elevato (4) è il progetto dell’alta capacità ferroviaria Napoli – Foggia – Bari. L’allungamento della pista dell’aeroporto di Foggia si classifica immediatamente a ridosso della ferrovia, con 3,99.
Seguono la superstrada Vico – Peschici-  Vieste (3,35); il raddoppio della ss.16 e il treno tram (3,32), la Pedesubappenninica (3,24) , la superstrada garganica Mattinata-Vieste (3,23), il raddoppio della strada ferrata Foggia-Termoli (3,22), la costruzione della seconda diga sul Fortore (3,20). L’opera che ottiene il punteggio più basso, ed il solo al di sotto della sufficienza, è il secondo casello autostradale di Foggia, con 2,79.

Facebook Comments