Print Friendly, PDF & Email

Da domani, e per l’intero periodo natalizio, Lucera ospiterà un eccezione evento artistico: verrà esposta la scultura L’uomo della pace di Franco Scepi, grandissimo artista e design, originario di Lucera, fondatore della corrente da lui stesso definita Over Ad’ Art, un intreccio tra immagini create per la pubblicità e l’espressione artistica in quanto tale. Una sorta di evoluzione della Pop Art di Andy Warhol, di cui Scepi è stato frequentatore ed amico.
L’uomo della pace è una delle opere d’arte più famose del mondo. Dipinto nel 1977 e successivamente adottato da tutti i premi Nobel la Pace, ha concettualmente anticipato il crollo del muro di Berlino, la fine della guerra fredda e i nuovi scenari internazionali aperti dalla fine del comunismo.
Quella intuizione ha ispirato buona parte del successivo percorso artistico di Scepi che sul tema ha realizzato una scultura, che sarà appunto esposta da domani in piazza Matteotti, a Lucera.
L’inaugurazione domani a mezzogiorno, con la benedizione di mons. Domenico Cornacchia.
L’eccezionale evento artistico si deve all’impegno profuso dal comitato dell’Uomo della Pace che insieme alla Diocesi di Lucera-Troia , l’associazione This is ART 2014, il Rotary club, il Lions club, l’ Associazione Misericordia, il club Unesco, Gruppo Protezione Civile, Corpo volontario intervento
pubblico di Lucera, la delegazione del F.A.I provinciale di Foggia e
1000 cittadini della città di Lucera e ha luogo in occasione della conclusione dell’anno della santificazione di Papa Giovanni Paolo II, cui è dedicata la scultura di Scepi.
La cerimonia inaugurale sarà preceduta da una celebrazione religiosa dedicata al papa polacco,  alle 10, nella cattedrale della cittadina sveva,  officiata da don Ciro Fanelli e da don Michele Di Gioia.
Dopo l’esposizione lucerina, L’uomo della pace approderà all’Expo di Milano e di qui alla sede Onu di New York.

Facebook Comments