Discussione sulla toponomastica

Print Friendly, PDF & Email

Gino Longo Che dire della cacofonica “Via martiri di Via Fani”? A parte la cacofonia,e tutti gli altri martiri caduti sempre per presunto o vero terrorismo? Via Maestra,divenuta Le Maestre? Augusto in Angusto? Bartolomeo da Foggia, relegato in un corridoio senza numeri civici,nei pressi dell’Ordine dei Medici. Enrico Radesca non è ricordato da nessuna parte. Ricciardi padre, che è stato riformatore,illuminato giurista, Ministro sia borbonico che napoleonico, niente, il figlio che è stato solo parlamentare,è ricordato nelle vie foggiane. La Malfa si, Antonio Salandra no. E si potrebbero citare decine e decine di personaggi illustri nati a Foggia o che hanno avuto stretta relazione con Foggia o la Capitanata. Per ben due volte a distanza di anni, ho presentato un piano di riordino della toponomastica, al Comune di Foggia, per correggere gli strafalcioni, salvaguardare e riscoprire la memoria storica di Foggia e Capitanata, rimuovendo toponimi che con la nostra storia e cultura non centrano nulla.
2
Gestire
Mi piace · Rispondi · 1 s
Enzo Ficarelli
Enzo Ficarelli Ad Antonio Salandra è stata intitolata una strada.
alcuni tra i tanti personaggi “dimenticati” :
Re Enzo
Camillo Rosalba
Cesare Brunetti
Elisabetta d’Inghilterra
Pier delle Vigne………
…….
1
Gestire
Mi piace · Rispondi · 1 s
Gino Longo
Gino Longo Sarà stato di recente o relativamente recente l’intitolazione di una strada ad Antonio Salandra. La nipote di Riccardo Cuor di Leone, era Isabella. Cielo D’Alcamo o Ciello Dal Camò,che alcuni vogliono foggianissimo e non siciliano. Come Niccolò Pisano foggiano e non toscano. Tommaso d’Aquino soggiornò lungamente a Foggia,e potremmo ricordare le nozze di Beatrice d’Angio con l’Imperatore Baldovino,celebratosi Foggia il 15 ottobre 1273 e tanto altro. Di sicuro ,caro Enzo ,chi amministra la città,non solo oggi, non ama Foggia come noi ed altri appassionati cittadini. 😉
1
Gestire
Mi piace · Rispondi · 1 s
Enzo Ficarelli
Enzo Ficarelli Gino Longo ciao,
hai ragione.
Recentissima. Macchia gialla, vicino a viale Ignazio d’addedda….Altro…
1
Gestire
Mi piace · Rispondi · 1 s
Gigetta Fuiano Squeri
Gigetta Fuiano Squeri Enzo Ficarelli
Sai bene che per me l’oblio su Cesare Brunetti è vergognoso.
2
Gestire
Mi piace · Rispondi · 1 s
Gino Longo
Gino Longo Perché l’oblio di Ferdinando II di Borbone,non è vergognoso? Piaccia o meno,ciò che esiste di dignitoso a Foggia,sono opere del periodo borbonico e fascista.
Sarebbe proprio il caso di rivedere la toponomastica iniziando a cancellare dalla “Memoria”… tutti i nomi dei fondatori della mala unità d’Italia es. Crispi, Pisacane, CIALDINI, in ultimo Cavour e Garibaldi.

Giulio Scalera · Accademia della crusca
Sarebbe proprio il caso di rivedere la toponomastica iniziando a cancellare dalla “Memoria”… tutti i nomi dei fondatori della mala unità d’Italia es. Crispi, Pisacane, CIALDINI, in ultimo Cavour e Garibaldi.
Sabrina De Santis l’idea di citare la denominazione precedente potrebbe essere un bel tributo alla memoria storica e uno stimolo a interrogarsi sul passato della città, non solo per gli appassionati di storia ma anche per accendere la curiosità degli abitanti di quelle strade, contribuendo a ricostruire una memoria condivisa e saldando il buco tra gli ancora viventi di quegli anni e i contemporanei.
4
Gestire
Mi piace · Rispondi · Invia messaggio · 1 s · Modificato
Riccardo Schioppo
Riccardo Schioppo Per non parlare di tutte quelle strade e piazze intitolate ai carnefici risorgimentali
3
Gestire
Mi piace · Rispondi · Invia messaggio · 1 s
Sergio Cascio
Sergio Cascio Recuperiamo! Siamo sempre in tempo!
Giordano Varlotta Via panni vecchi si legge malapena, oggi via Pietro Mascagni
Gestire
Mi piace · Rispondi · 1 s
Ettore Braglia
Ettore Braglia Via San Francesco oggi via catalano, via Vega fu cambiata in via della chiavica era una traversa di viale maestre ad indicare il degrado nella zona.
Gestire
Mi piace · Rispondi · 1 s
Giacoma Desimio
Giacoma Desimio Ricordo la ricerca del Masi ed il lodevole lavoro del prof.Romano che me ne fece dono!
Bene rinfrescare la memoria sulla storia della città!

Mara Cinquepalmi molto interessante. sarebbe utile anche una lettura di genere della toponomastica della nostra città

Facebook Comments

Author: Geppe Inserra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *