Quando Foggia sorrideva: i 90 anni di Vittorio Salvatori

Print Friendly, PDF & Email

Compie 90 anni Vittorio Salvatori, sindaco della città di Foggia dal 1966 al 1972, e successivamente Deputato nel capoluogo dauno, presidente del Consorzio Aeroportuale “Gino Lisa” e vicepresidente della Provincia.

L’associazione FoggiaInsieme celebra la ricorrenza con un evento pubblico che si terrà domenica prossima, 20 ottobre 2019, con inizio alle ore 18.00 a Parcocittà (Parco San Felice). “Quando Foggia sorrideva” è il tema della serata che vedrà protagonista lo stesso Vittorio Salvatori, intervistato da Geppe Inserra.

“Salvatori – osserva Michele Perrone, coordinatore di FoggiaInsieme – è stato il protagonista indiscusso di una stagione di buona politica che ha visto Foggia e la Capitanata crescere e svilupparsi. Riteniamo la narrazione di quella esperienza e di quella pagina così significativa per il nostro territorio, utile e preziosa anche all’oggi, perché si conosca e si faccia tesoro della grande lezione politica, culturale e sociale che questa storia ci tramanda”.

Nato a Foggia il 14 ottobre del 1929, Salvatori ha esercitato la professione forense, venendo insignito dall’allora Ministro della Giustizia, Clemente Mastella, della Toga D’oro per i 50 anni di avvocatura nel novembre del 2006. I suoi primi incarichi politici ed amministrativi risalgono agli inizi degli anni Sessanta, quando fu Segretario cittadino della Democrazia Cristiana e assessore allo Stato Civile nella giunta guidata da Vittorio De Miro d’Ajeta.

Esponente della storica corrente della sinistra democristiana di “Base”, fu eletto sindaco nel 1966 (dopo aver ottenuto 5.380 voti di preferenza). È stato confermato alla guida della città anche nelle successive elezioni che si svolsero nel 1971, che lo videro conquistare uno straordinario consenso popolare con la storica cifra di 12.130 voti di preferenza.

Si dimise nel 1972 per candidarsi alla Camera dei Deputati dove fu  eletto con circa 50.000 voti di preferenza.

Il suo impegno politico ed amministrativo è stato contraddistinto da una spiccata attenzione verso i problemi dello sviluppo. Ha svolto un ruolo decisivo per la istituzione a Foggia dell’Accademia di Belle Arti, è stato firmatario delle prime proposte di legge tendenti ad ottenere l’istituzione dell’Università a Foggia, quale presidente del Consorzio per l’Aeroporto “Gino Lisa” ha impedito che lo scalo restasse chiuso,  dopo il disimpegno dall’attività di gestione della Camera di Commercio, riattivando i servizi antincendio e permettendo la ripresa dei voli.

Condotta da Geppe Inserra, l’intervista a Salvatori sarà preceduta e accompagnata dalla proiezione di materiali fotografici e di ritagli di stampa, che contribuiranno a raccontare questa pagina così bella e importante della storia della città di Foggia.

Facebook Comments

Author: Geppe Inserra

2 thoughts on “Quando Foggia sorrideva: i 90 anni di Vittorio Salvatori

Rispondi a Giancarlo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *