Print Friendly, PDF & Email

Ho sempre qualche difficoltà a definire Bruno Caravella: poeta, musicista, cantautore, musicoterapeuta, cantastorie, fotografo? Bruno è un po’ tutte queste cose insieme, e lo dimostra in maniera toccante ed efficace nella “cantata” che ha scritto per ricordare le vittime del crollo di viale Giotto, di cui ricorre oggi il 21° anniversario.
I versi, serrati e stringenti, raccontano insieme l’atmosfera dei giorni successivi al crollo, la reazione della città, la commovente gara di solidarietà che vide protagonista la popolazione.
Qual ritmo corto, quasi sincopato fa immaginare (e sperare che diventi) una ballata, una cantata, come suggerisce l’autore. Immagini ed emozioni si susseguono e si inseguono a suggerire un affresco, un racconto corale.
Caravella è molto abile nel riuscire a dare conto di quella dimensione comunitaria e condivisa della tragedia, così come il grande cuore scolpito da Silvano Pellegrini, che sorge al posto del palazzo che non c’è più.
Un cuore per colmare il vuoto, le parole di Caravella per colmare l’assenza.
Non c’è foggiano che non abbia avuto qualcuno che se ne sia andato. Quel giorno non sono morti soltanto padri, madri, fratelli, amici, ma un pezzo di tutta la città.
Ricordare quanto è successo in quel fatidico 11 novembre del 1999, è un modo per dare senso, far rivivere quel pezzo di Foggia che non c’è più.
Di seguito i versi di Bruno Caravella assieme. Le foto che illustrano il post sono dell’Autore. (g.i.)

*  *  *

STATÌE SA’ MMARTÌNE A FOGGE EJE VIRNE

(Cantata per le vittime di Viale Giotto)

di Bruno Caravella

A NUEMBRE QUA L’ARIJE
EJE ANGORE DOLECE
PRIJEZZE DE SOLE DE CALORE
FOGGHIE GIALLE E ROSCE
NU SUSPÌRE PRIMAVERE
E PO’ STATÌE
ASSEMMEGGHIE MAGGE
COCCHE JURNE PROBBIE GIUGNE
STATÌE SA’ MMARTÌNE
CHE SË LUÀJE A MANDELLE
NU POVERE KRÌSTE
PUVERILLE
SOTTE A NU VINDE JELÄTE
PEGGE DE NU SCORCIACRAPE
E U MERACHËLE
NA ROSE
U CAVEDE
ARRUÀJE STATÌE

STATÌE SA’ MMARTÌNE
A FOGGE EJE VIRNE
SÌ, STATÌE SA’ MMARTÌNE
MA A FOGGE EJE VIRNE
CCHIÙ FFORTE DE JENNÄRE FEBBRÄRE
N’N’ CHIUÈVE
STEVE NA CALME
ERE NOTTE NOTTE ASSÀJE
LUNDANE DA MEZZANOTTE
CUM’ERE SCURÌE
NIRGHE A SIGNORE
E TRE DA MATÌNE

SE SFRAVECÄJE
SE SFRAGANÄJE
MADONNE SANDE
CHE BRUTTE RUMORE
LUCCHËLE LAMINDE
SANGHE E SCKANDE
CHI SE NE FUJEVE
CHII RUMANEVE
CHI CAMBÄVE
CHI MUREVE
E ABBASCE MATUNE
E POLVERE
FIRRE E FUCHË
E TUTTE CÌTTE
E DELORE QUANDA DELORE
SUBBETE ALL’OPERE
I FUGGIANILLE
CHI STÖVË LÀ SE FACÌJE ERÖJE
PI FRATE I SORE
I MAMME E I CUMBAGNE
I CRIUCCE I PATE

QUILI FORTE FUGGIANILLE
SE FACERENE MARTENILLE
CAFUNE TARRAZZANE
TURZE CAMURRÌSTE
SBÌRRE PUMBIRE
UAGLIUNE CARABBENIRE
DOTTURE ‘NVERMIRE
FRAVECATURE CARPENDIRE
TUTTE SCKÌTTE NA BANNIRE
NZIME TUTTE NA DIVÌSE
SCIURE E DDÌJE
NU VESTÌTE ANEME E CORE
‘NDA STU STRAZIJE QUAND’AMÒRE

TRA NU LÌBBRE E NA BELLA BAMBÖLE
SPARTÌTE CHITARRE
LAMBADARIE
CULURE QUADERNE
I ROTE DE NA BESCKELETTE
RETRATTE SERENE
N’N ZO PONNE CCHIÙ AKKUNDÀ
U DESTÌNE ASCENNÌJE
A ‘GGEMENDÀ

STATÌE SA’ MMARTÌNE
A FOGGE EJE VIRNE
A MANDELLE DU SULDATE
A CINDE STRAZZE
I MARTENILLE ÀNNE FATTE
E N’N ZE FERMENE
CHE CURAGGE
E SE FANNE MÌLLE VRAZZE
SBUKANE DE MACERIJE
E UNE E DUJE
E NENN’EJE NU JUKE
NEMMENE NU CÌNEME
UNE ALLA LUNE DUJE BOX
TRE FIGGHIE E RRE
MBULVERATE
FACCE AMMASCHIATE
UNE DUE TRE E TANDA TANDA
TROPPE
NA MAMME NU NÌNNE
MMINZE E LACRËME DI MANÌPULE

MO EJE AUTUNNE
STAKKENE I FOGGHIE
SO ROSCE E GIALLE
CHE BELLE QUADRE
LASSENE L’ARVE
LASSENE STA TERRE
STU MUNNE DE FREVELE

NU MUZZEKE PRIMAVERE
CUME E JURNE MAJESE
NU POKE DE GIUGNE
STATÌE SA’ MMARTÌNE
A FOGGE EJE VIRNE
STATÌE SA’ MMARTÌNE, SÌ
MA A FOGGE EJE VIRNE

BRUNO CARAVELLA, 12 13 novembre 2018

L’ ESTATE DI SAN MARTINO A FOGGIA È INVERNO ©️

(Cantata per le vittime di Viale Giotto)

di Bruno Caravella

A NOVEMBRE QUI L’ARIA È ANCORA DOLCE
BELLEZZA DI SOLE DI CALORE
FOGLIE GIALLE E ROSSE
UN SOSPIRO DI PRIMAVERA
UN’ESTATE CHE SEMBRA MAGGIO
A VOLTE GIUGNO
L’ESTATE DI SAN MARTINO
CHE SI TOLSE IL MANTELLO
UN POVERO CRISTO
VAGABONDO SOTTO UN VENTO GELIDO
PEGGIO DI UNO “SCORCIACRAPE”
E IL MIRACOLO
UNA ROSA
IL CALDO
ARRIVÒ L’ESTATE

L’ESTATE DI SAN MARTINO
MA A FOGGIA È INVERNO
PIÙ FORTE DI GENNAIO FEBBRAIO
NON PIOVEVA
C’ERA UNA CALMA
NOTTE PROFONDA
ASSAI LONTANA
DALLA MEZZANOTTE
COM’ERA BUIO
NERO “LA SIGNORA”
ALLE TRE DEL MATTINO

SI FRANTUMÒ
SI SPACCÓ
MADONNA SANTA
CHE BRUTTO RUMORE
GRIDA E LAMENTI
SANGUE E SPAVENTI
CHI FUGGIVA CHI RIMANEVA
CHI SOPRAVVIVEVA CHI MORIVA
E GIÙ MATTONI E POLVERE
FERRO E FUOCO
E TUTTO SILENZIO
E DOLORE
QUANTO DOLORE
SUBITO ALL’OPERA I “FUGGIANILLE”
CHI STAVA LÀ SI FECE EROE
PER I FRATELLI LE SORELLE
LE MAMME I COMPAGNI
I BAMBINI I PADRI

QUEI TEMERARI FUGGIANILLE
DIVENTARONO “MARTENILLE”
E CAFONI E TERRAZZANI
E BIFOLCHI E CAMORRISTI
SBIRRI POMPIERI RAGAZZI CARABINIERI
DOTTORI INFERMIERI
MURATORI CARPENTIERI
TUTTI UNA SOLA BANDIERA
TUTTI INSIEME UNA SOLA DIVISA
FIORI DI DIO
UN VESTITO ANIMA E CUORE
NEL GRANDE STRAZIO
QUANTO AMORE

TRA UN LIBRO E UNA BELLA BAMBOLA
SPARTITI PER CHITARRA
LAMPADARI COLORI QUADERNI
LE RUOTE DI UNA BICICLETTA
FOTORITRATTI DI SERENITÀ
NON SI POSSONO RACCONTARE
IL DESTINO SCESE
A VIOLARE

L’ESTATE DI SAN MARTINO
A FOGGIA È INVERNO
IL MANTELLO DEL SOLDATO
IN CENTO PEZZE
I MARTENILLE HANNO FATTO
E NON SI FERMANO
CHE CORAGGIO
E SI FANNO MILLE BRACCIA
SBUCANO DALLE MACERIE E UNO E DUE
NON È UN GIOCO NEMMENO UN FILM
“UNE ALLA LUNE DUJE BOX TRE FÌGGHIE E RRÉ”
IMPOLVERATI FACCE PAONAZZE
UNO DUE E TRE
TROPPO
UNA MAMMA UN BAMBINO
TRA LE LACRIME DEI SOCCORRITORI

ORA È AUTUNNO
SI STACCANO LE FOGLIE
SONO ROSSE E GIALLE
CHE BEL QUADRO
LASCIANO GLI ALBERI
LASCIANO QUESTA TERRA
QUESTO MONDO DI “FREVELE”

UN MORSO DI PRIMAVERA
COME GIORNI DI MAGGESE
UN PO’ DI GIUGNO
L’ESTATE DI SAN MARTINO

A FOGGIA È INVERNO
L’ESTATE DI SAN MARTINO, SÌ
MA A FOGGIA È INVERNO

BRUNO CARAVELLA, 12 13 novembre 2018

Facebook Comments