Print Friendly, PDF & Email

Da troiano trapiantato a Bari, ho
avuto modo di ricordare l’illustre concittadino Antonio Salandra in occasione
della ripubblicazione di alcune pagine del Corriere
delle Puglie
di Martino Cassano, tra cui quella significativa del 24 Maggio
1915: il giorno che l’Italia entrò nella Grande Guerra.

Non certo per la sciagurata
rievocazione di una scelta rivelatasi più tragica e ben più drammatica di
quanto si potesse immaginare, nell’illusione che il conflitto stesse volgendo
al termine. Quanto per evidenziare quell’anomalia, tutta italiana, d’essere tra
i pochi Paesi – se non l’unico – ad avere, quasi in ogni città, una via
dedicata al giorno di entrata in guerra: il XXIV Maggio.
Grato, tra una serie di motivi di
carattere storico e identitario, di avallare – con la forza del documento e
della cronaca giornalistica – l’ipotesi sostenuta in occasione della
pubblicazione dell’E-book “La Recluta e il Primo Ministro – Tommaso Fiore e Antonio Salandra nella
Grande Guerra
” – LB Edizioni, 2015 di una lettura del discorso in
Campidoglio, tenuto dall’allora Presidente del Consiglio dei Ministri, il
troiano Antonio Salandra, attraverso la lente di quella sana pratica di paese
rappresentata dallo “sberleffo”. In questo caso verso le potenze Imperiali
europee.
Un sassolino “fastidioso” che sin
dal Congresso di Vienna (1814-1815), con l’allocuzione del Principe Klemens von
Metternich, diventata dispregiativa nelle cronache del quotidiano napoletano “Il Nazionale”: “L’Italia è
un’espressione geografica”, aveva continuato a martoriare i passi di un  Paese “sovrano”, che inconfutabilmente –
insieme e talvolta più di altri – aveva comunque segnato la storia dell’intera
Europa.
Una contesa con
l’Austria-Ungheria che rimarrà nell’evoluzione delle cose e che conoscerà nel
tempo diverse forme di declinazione: la maggior parte delle quali risoltesi –
alla fine – sempre a favore del fronte italiano. Ivi comprese quelle di gloria  più moderna sui campi in erba del football.
Anche quel 24 Maggio 1915
dall’Impero Austro-Ungarico proveranno ad irridere un’Italia rea – ancora una
volta – di “tradimento”, dando vita a una sorta di sit-comedy sulla consegna formale della Dichiarazione di Guerra, in
uno dei momenti forse più drammatici per la storia dell’Europa.
Una dichiarazione che rischia di
rimanere per strada, dato che l’Austria – ben sapendo che piega stavano ormai
prendendo decisioni ed eventi – interrompe le comunicazioni telegrafiche con
l’Italia, in un giorno festivo (con Ministeri e Ambasciate chiusi) e con un
Ministro degli Esteri dimissionario (il Barone Stephan Buriàn).
Orgoglio nazionale ferito e arte
sopraffina dell’eloquio, maturata nei templi
popolari della dialettica di piccolo paese, daranno la stura al famoso discorso
che segnerà l’Intervento italiano, in
un periodo storico tutto teso verso l’Azione, in cui il Neutralismo era diventato sinonimo di “vigliaccheria”.

Rileggere la figura storica del
pugliese Antonio Salandra, protagonista del periodo storico in esame, che resta – insieme a Aldo
Moro
– uno dei due unici Presidenti
del Consiglio pugliesi avuti fino ad oggi dal Paese, censurandone limiti e
imperizie, ma rivalutandone spessore culturale e azione politica, oltre alla
produzione accademica, dovrebbe essere esercizio comunitario – finora in verità
piuttosto trascurato –  per quello che
rimane, comunque, un autentico “patrimonio” per la sua città natale Troia,
quella adottiva Lucera e per l’intera Puglia. (ag)
* * *
Antonio
Salandra,
il
“modesto borghese”
di Antonio V. Gelormini
Radici meridiane e formazione
culturale liberale erano i pilastri su cui poggiava l’impegno intellettuale e
la militanza politica di Antonio Salandra (Troia, 1853 – Roma, 1931). L’homo novus (Arturo Labriola) che dalle
colline del Subappennino Dauno, come Enea, era approdato da Troia a Roma. E che
l’imponderabile, nonché inevitabile, corso della Storia portò – in quel glorioso
Campidoglio – ad essere “Episcopus laico”,
del dramma collettivo nazionale, che animò il primo quarto del XX secolo con la
Grande Guerra.
Cinico e votato a una Realpolitik finalizzata al successo
personale, da “modesto borghese” (“Che
orgoglio che tu abbia pronunciato queste due parole”
, gli scrisse Giustino
Fortunato l’11 giugno 1915), assumerà il ruolo di grande leader “meridionale” e
alternativo a Giovanni Giolitti, “conservatore illuminato e settentrionale”, in
un braccio di ferro tutto interno al pensiero politico liberale.
Il monumento ad Antonio Salandra a Troia
Ad Antonio Salandra, non più
giovane professore pugliese – con all’attivo una lunga carriera di deputato –
toccherà gestire e guidare “l’epilogo del processo risorgimentale” (così è
stato da molti definito l’intervento italiano nel primo conflitto mondiale), in
un momento storico che vedeva l’Italia ancora fondata su una società agraria,
dove però la partecipazione pubblica – nonostante Giolitti avesse aperto al
suffragio universale nel 1912 – restava nelle mani di una ristretta fascia di
notabili, trasversale a tutti i partiti.
Un paradosso che fa il pari con
l’apparente imbarazzo di un Salandra, da sempre attento a privilegiare i
problemi di politica interna rispetto a quella internazionale, che si ritrova a
guidare il Governo nel difficile e delicato passaggio dalla neutralità
all’intervento nella Prima Guerra Mondiale.
L’acume dell’uomo politico del
Sud fa leggere a Salandra lo stallo creatosi in Parlamento, per l’incapacità di
azione comune tra liberali giolittiani, socialisti e cattolici, come
l’occasione “da non mancare” per la svolta conservatrice.
Tanto più, che: “All’immagine
sbiadita e timida dei neutrali, supini nella cauta gestione dell’esistente – perseguita
da un Giolitti da troppe parti considerato corruttore della vita pubblica – si
opponeva la spinta irrefrenabile interventista. Che si presentava come il
partito del futuro, per un’Italia grande e rigenerata: potenza imperiale per
alcuni, democrazia moderna per altri” (Fulvio
Cammarano)
.
È qui che prende corpo il
discorso del Campidoglio, che necessiterà ancora – però – di alcuni strategici,
cruciali e propedeutici passaggi istituzionali. Ai quali bisognerà garantire
l’appoggio, magari non evidente, del Re.
In Campidoglio e non in
Parlamento, perché come ricordava Giovanni Spadolini, storico e studioso del
Risorgimento nonché estimatore degli scritti di Politica economica di Antonio
Salandra: “Le decisioni sul se, quando e a fianco di chi entrare in guerra
sfuggirono, in buona parte, ai consolidati e tradizionali canali politici e
diplomatici”. In definitiva, “La guerra fu strumentalmente usata, per attuare
un’alternativa concreta al sistema impersonato da Giovanni Giolitti”.
Antonio Salandra e Sidney
Sonnino, legati non soltanto dalla radice romanica delle Cattedrali, alla cui
ombra erano cresciuti a Troia e a Pisa, ma stretti dai reciproci sentimenti di
stima – maturati in trent’anni di rapporti politici e professionali – erano
irretiti dalle pressioni nella Triplice Alleanza, dell’Austria in particolare,
per tenere l’Italia fuori dai tavoli europei. Intuirono, ad un certo punto, che
lo sforzo bellico presentava diverse letture di lunga gittata, e lo fecero
senza aver bisogno di inforcare gli occhialini familiari e liberali di un
predecessore di rango come Camillo Benso Conte di Cavour.
Quello sforzo, dimostratosi in
seguito fin troppo “generoso e drammatico”, in termini di vite umane
sacrificate, avrebbe dato forma allo sviluppo di quel senso comune di
appartenenza alla “Nazione”, che in Italia stentava ad assumere tratti analoghi
a quelli di altri Paesi in Europa. Una visione, peraltro, che continuerà a
soffrire di un’acclarata miopia a sinistra, anche nelle declinazioni
euroscettiche dei decenni successivi.
Salandra si dimostrò abile:
concluse prima – con relativa discrezione – il Patto di Londra con la Triplice
Intesa, per l’entrata in guerra contro l’Austria. Quindi si dimise da Capo del
Governo, per dimostrare la debolezza – senza appello – di Giolitti, che non
aveva forza nel Paese: né per
subentrargli né per ribaltare la sua politica.
A favorirlo furono da un lato le
offerte territoriali “offensive” dell’Austria, per tenere gli italiani decisamente
fuori dal conflitto – ma che Vienna pretendeva di rendere esecutive solo a
guerra finita – e dall’altro i moti del fronte interventista, che trovarono
slancio carismatico negli aneliti infiammati ed infiammanti di Gabriele
D’Annunzio.
Le consultazioni del re si
svolsero al Quirinale secondo il rito istituzionale: ricevuto in primis il rifiuto dello stesso
Giolitti, e successivamente quello di Marcora, Carcano e Boselli, il 16 maggio
il sovrano respinse le dimissioni di Salandra, che il 20 e 21 maggio ottenne
dal Parlamento il conferimento dei poteri straordinari in caso di guerra. In
realtà, Vittorio Emanuele III fece di più: con i messaggi inviati al Re
d’Inghilterra e allo Zar, aveva di fatto avallato il Patto di Londra. Tre
giorni dopo, l’Italia entrava in guerra contro l’Austria.
Il discorso del 2 Giugno in
Campidoglio sancirà il carattere di “guerra santa” a una scelta che, per certi
versi faceva affiorare, ancora una volta, le radici troiane del presidente
Salandra, memore dei Sinodi conciliari tenutisi in passato tra le mura della
sua Cattedrale e delle “scomuniche” inferte sotto i colpi inclementi del
pastorale papale di turno.
Ecco, in altri tempi quel
discorso sarebbe suonato come una sorta di scomunica agli Imperi Centrali
d’Europa, che avevano cominciato ad attaccare e additare l’Italia per voce
dell’Imperatore d’Austria Francesco Giuseppe, dell’Arciduca Federico
d’Asburgo-Teschen, del Presidente dei Ministri ungheresi Tisza e del
Cancelliere tedesco Bethmann-Hollweg, quest’ultimo – in particolare – dall’alto
del consesso istituzionale del Reichstag.
La sede capitolina del
Campidoglio enfatizzerà adeguatamente il discorso di Antonio Salandra,
sancendone apprezzamenti internazionali e molteplici traduzioni in Europa e in
America, e nel contempo consacrandone la vena oratoria, che affidava all’arte
dello sberleffo l’affondo deciso, leggero, ma più pungente, per affermare la
verità. Che spesso era scomoda e difficile da accettare.
Memorabile il passaggio (già
citato): “Potrò non curare le ingiurie
scritte nei proclami imperiali, reali e arciducali. Poiché parlo dal
Campidoglio e rappresento, in quest’ora solenne, il Popolo e il Governo
d’Italia, io, modesto borghese, mi sento di gran lunga più nobile del capo
degli Asburgo –Lorena”.
Un’arte che i colleghi
parlamentari avevano avuto modo di assaggiare, nella dolcezza inclemente
dell’affondo, allorquando qualche mese prima, alla Camera durante un dotto
intervento di Politica agraria, più lungo del solito, un gruppo di insofferenti
aveva provato a sbeffeggiarlo: “E dai,
s’è capito! Tanto, sempre figlio di Troia rimani”.
Antonio Salandra si fermò,
raccolse lentamente i fogli con gli appunti del suo intervento e guardandoli
fisso negli occhi replicò con sarcasmo: “Sì,
certo colleghi. Ma a me fu patria! Mentre a tanti, in quest’aula, fu madre!”
.
E tra lo scrosciare degli applausi si risedette.
p.s.
Anche la Storia deve aver preso
gusto al vezzo dello sberleffo, tanto caro a Antonio Salandra, e col tratto fiero
e amaramente sorridente di un carattere dominante e autoreferenziale. Il busto
che oggi lo ricorda a Troia, città natale, è collocato vicino all’omonima
Scuola Elementare, in una piazzetta intitolata a Giuseppe Maitilasso: sindaco
socialista, nonché fratello dell’on. Michele Maitilasso: entrambi suoi incrollabili
antagonisti politici locali. Una cohabitation
“nei secoli dei secoli”, che – nell’ironia della Storia – rimanda in qualche
modo alla lezione morale del principe Antonio De Curtis, in arte e per tutti:
il nobile Totò.
(gelormini@gmail.com)
Facebook Comments