In regalo un cd con le più antiche incisioni di canti natalizi

Print Friendly, PDF & Email

Da sempre, i canti e le melodie natalizie fanno parte della storia della musica e sono tra i brani più incisi di tutti i tempi, e su tutti i supporti. Perfino quando i dischi ancora non esistevano, e la canzoni veniva registrate su cilindri.
Il bello è che la rete ha reso disponibili al grande pubblico queste sonorità e queste melodie, in precedenza riservate ad una ristretta cerchia di appassionati.
Lettere Meridiane regala ad amici e lettori un cd contenente un’ampia selezione di questi brani, che fanno parte della preistoria delle tecnologie di incisione. Si tratta di brani della tradizione natalizia internazionale, diversi dei quali hanno più di cent’anni.
È certamente suggestivo ascoltarli nel loro suono originale, e pensare che la digitalizzazione ha sottratto questi preziosi supporti al rischio di un’usura irreversibile.
Tutti i brani sono stati selezionati e tratti dalla straordinaria collezione 78 RPMs and Cylinder Recordings di Archive.org.
Potete scaricarlo per intera, zippato, a questo link: https://www.dropbox.com/s/ld4b3pejsc52mq8/disconatale.zip?dl=0
oppure, traccia per traccia cliccando sui relativi collegamenti, qui sotto

  1. Silent Night, Hallowed Night (Haydn Quartet, 1905) – 2′ 12″
  2. Adeste Fideles (John McCormack and William Reitz, 1915) – 3′ 56″
  3. Sleigh Ride Party / Jingle Bells (Edison Male Quartette, 1898) – 2′ 32″
  4. Cantique De Noel (Albert Quesnel, 1915) –  3’ 46
  5. O, Tannenbaum (Nebe-Quartett, 1905) – 2 ‘ 04”
  6. The Star of Bethlehem (Harry MacDonough, 1909) – 3′ 43″
  7. Ring Out The Bells for Christmas (The Edison Concert Band, 1912) – 3’ 52”
  8. Weihnachtslieder-Potpourri – Christmas Carol Medley (Nebe-Quartett, 1908) – 4′ 13″
  9. Come and Spend Christmas With Me (Byron G. Harlan , 1909) 3 ’09”
  10.  Noel – Holy Night (Venetian Trio, 1916) – 3′ 33″

Infine, i collegamenti agli altri gadget di Lettere Meridiane, offerti in omaggio nei giorni scorsi:

Facebook Comments

Author: Geppe Inserra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *