Confratres, il racconto dei racconti

Instancabili cercatori, documentatori e custodi di tracce, Pasquale D’Apolito e Francesco A.P. Saggese si immergono, ancora una volta, nella Settimana Santa di Vico del Gargano. I due stanno lavorando a Confratres, un interessante e qualificato progetto che, avviato già da un anno, ha l’obiettivo di raccontare e documentare visivamente la Settimana Santa che si celebra nella cittadina garganica. Ricchissima, unica nel suo genere, si fonda su tradizioni ancestrali e profonde radici. Qui sotto, il “trailer” e la nota con cui raccontano il progetto e le sue finalità Pasquale e Francesco, cui auguriamo di cuore buon lavoro.

*  *  *

Confratres” è una storia.

Una storia che affonda le sue radici a Vico del Gargano nei secoli che ci guardano da lontano.

È il tentativo di provarla a raccontare attraverso le immagini e le parole.

Non è una storia finita, al contrario: nasce appena un anno fa ed è nel pieno del suo racconto.

Lo scorso anno, infatti, sono stati fotografati in Studio 104 confratelli delle cinque antiche Confraternite di Vico, tra cui le consorelle dei Cinturati di Sant’Agostino e Santa Monica.

E quest’anno continueremo ancora a farlo.

Confratres” è una finestra su un progetto che vuole raccontare una storia ancora più grande, una storia che passa da qui, da questi uomini con la corona di spine di rovi appoggiata sul capo, da questi volti di ogni età, da questi abiti candidi e benedetti.

Una storia che per completarsi ha bisogno del racconto dei racconti, del tempo che passa e di porte che si aprono.

Saremo così nei giorni della Settimana Santa vichese ancora dietro a una macchinetta, a una matita, alla volontà di raccontare chi siamo.

Dedichiamo queste prime immagini ai custodi della fede e della tradizione: i Confratelli delle Confraternite di Vico.

Testimoni viventi di una storia cominciata sul finire del Trecento.

Pasquale D’Apolito

Francesco A. P. Saggese

Facebook Comments

Autore: Francesco A.P. Saggese

1 commento su “Confratres, il racconto dei racconti

  1. Chi scava nella memoria collettiva per conoscere le radici identitarie di una comunità compie un’impresa ardua e quando si raggiunge l’obiettivo ci si sente per davvero soddisfatti e felici. Il Venerdì Santo di Vico in virtù delle.cinque confraternite. testimonianze di antiche aggregazioni sociali è per davvero speciale e va conosciuto in tutto il mondo, come pure altre tradizioni del.Gargano, come le Fracchie di San Marco in Lamis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *