Se il clima impazzisce, rideteci su

Il giorno dopo il “Friday for future”, la rubrica satirica di Madetù non poteva non essere dedicata alla preoccupazione per i cambiamenti climatici che stanno sconvolgendo la terra, e al coraggioso impegno di ragazzi e giovani per difenderla. Cardet dedica la copertina al delizioso calembour sull’accordo di Malta e sul rischio che non sia proprio un accordo forte… da cemento armato.

A domani per la seconda parte della rubrica. E ridete, che ridere fa buon sangue. Anche con il clima impazzito.

* * *

LA LEGA PENSA AL FUTURO

Anche la Lega aderisce ai Fridays for Future e scenderà in piazza il 19 ottobre prossimo. Pronto lo slogan: “Salviniamo il nostro futuro!”.

ROBA DA MATTI

Il clima sarà pure impazzito. Ma Bolsonaro e Trump, allora, in quale reparti li mettiamo?

PLASTICA IN MOVIMENTO

Ieri in 180 piazze italiane, come in quasi tutto il mondo, si sono svolte le manifestazioni per i “Fridays for Future”, con la partecipazione di milioni di studenti. È la maggiore concentrazione di plastica in movimento mai verificatasi in Italia.

STACCARE LA SPINA, PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Ieri è stato il giorno dei “Fridays for Future”, lo sciopero mondiale per il clima, promosso dalla giovanissima Greta nel 2018.

Per combattere il surriscaldamento occorre semplicemente staccare la spina. Al cervello di chi non vuol capire.

GRETA E IL SUO BUCO DI OZONO

La giovane Greta accusata dai populisti di agire per conto di grandi potentati economici.

Certo. Il suo conto in banca è diventato così “stratosferico” che ora sarà costretta ad occuparsi anche del proprio buco di ozono.

49 MILIONI, 66 EURO.

Il figlio maggiore di Bossi, Riccardo, è stato denunciato da un ristoratore di Firenze per non aver pagato al ristorante il conto da 66 euro. L’aggiornamento per fortuna è presto fatto: 49 milioni + 66 euro.

CLIMA E PRESIDENTI IMPAZZITI

Evacuata Courmayeur. A rischio crollo un pezzo di ghiacciaio sul Monte Bianco da 250.000 metri cubi. L’equivalente della cazzata detta da Bolsonaro sull’Amazzonia.

EVASIONE A PROVA DI RAPINATORI

Lotta all’evasione. Il Governo Conte studia delle misure.

– Per negozi e contante cosa cambierà?

– Niente. I rapinatori continueranno a entrare nei negozi e a farsi dare i contanti!

L’ACCORDO A MALTA? …DEBOLE

– Il problema dei naufraghi che sbarcano in Italia è stato risolto con un accordo fatto a Malta…

– Conoscendo i precedenti, era meglio se l’accordo fosse stato fatto a cemento armato.

Facebook Comments

Autore: Maurizio De Tullio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *