Print Friendly, PDF & Email
La fotografia come strumento di documentazione e di
narrazione delle piccole e grandi storie di imprese pugliesi innovative. L’intrigante
idea è dell’ARTI, Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione che ha lanciato
la sfida a  fotografi e fotoamatori
pugliesi affinché diventino Sentinelle d’Innovazione. Con questa iniziativa, l’ARTI
si prefigge di realizzare una mappatura fotografica della Puglia che innova nel
lavoro.
L’appello dell’Agenzia è stato raccolto da numerosi
soggetti: si sono avvicinati al progetto non soltanto i fotografi, i
fotoamatori pugliesi e i media locali e nazionali, ma anche le piccole realtà
innovative locali, che stanno piano piano tessendo e documentando una rete di
eccellenza della Puglia che innova nel lavoro.
Una rete, però, che si sta disegnando a macchia di leopardo.
Come si legge nel sito dell’ARTI, “65 sono i fotografi che ad oggi si sono
candidati a diventare le Sentinelle dell’Innovazione pugliese e 80 le storie
proposte in tutta la Puglia.”

I numeri differiscono molto da un territorio all’altro: “Bari
e Lecce le province più attive e propositive (rispettivamente il 65% e 16%
rispetto alle candidature totali pervenute), seguite da Brindisi, BAT, Foggia e
Taranto.”
La Capitanata sta in retroguardia, e non si sa se per scarso
interesse dei fotografi o se per difetto, come dire, di materia prima, o
semplicemente di fantasia. Eppure l’ambito da indagare è ampio: come suggerisce
l’ARTI non solo aziende, ma anche università, distretti tecnologici e
produttivi, laboratori ed enti di ricerca, ma soprattutto persone, “vera chiave
di (s)volta per l’innovazione: le loro competenze, la loro visione, le loro
azioni e il loro approccio nuovo alle cose, volti a cercare soluzioni
innovative in uno scenario lavorativo liquido e costantemente in evoluzione.”
La Capitanata ha tanti fotografi d’eccellenza, ed anche
tante storie d’eccellenza da poter raccontare. Com’è che il cerchio non si
chiude? Un sospetto ce l’ho: un po’ la mancanza d’informazione, un po’ la
solita storia della difficoltà ad entrare in certi meccanismi regionali. Spesso
accusiamo la Regione Puglia di essere distante dalla Capitanata, ma in questo
caso è vero il contrario: è la Capitanata a non cogliere una bella opportunità,
e ad allontanarsi dalla Regione.
Ma non tutto è perduto almeno per quanto riguarda il
progetto Sentinelle d’Innovazione. L’ARTI ha infatti deciso di prorogare 16
dicembre 2013 i termini di scadenza per le adesioni di fotografi e fotoamatori
pugliesi. Creativi di Capitanata, è giunto il momento di scendere in campo.

Per maggiori informazioni sul progetto cliccare qui.
Facebook Comments