Daniela Marcone: “Perché sono rimasta a Foggia”

Print Friendly, PDF & Email

Una persona che assai più di altri avrebbe avuto tutte le ragioni per lasciare Foggia, ed anzi tagliare qualsiasi ponte con la città, è Daniela Marcone. Non l’ha fatto. È rimasta. Anzi, in un certo senso è tornata. A cimentarsi con la sfida che a volte pare impossibile di restituire vivibilità e decoro ad un posto che li ha smarriti, a fare i conti con quella solitudine che assale tutti quelli che non s’arrendono.
Intervenendo nella discussione su Foggia, chi resta e chi parte (potete trovare tutti gli interventi finora pubblicati su questa pagina di Lettere Meridiane), Daniela regala agli amici e ai lettori del blog questa profonda riflessione. Che dovremmo non soltanto condividere. Dovremmo portarcela dentro.
La foto che illustra il post è di Michele Sepalone. Come altre che ho utilizzato durante la discussione ci mostra  il volto  d’una Foggia bella. Che spesso sfugge al nostro sguardo (ma non all’obiettivo di Michele).

* * *

Alcuni amici sono partiti, hanno lasciato Foggia. Lo avrei fatto
anch’io, un po’ di tempo fa, ero diretta a Roma. Poi è accaduto qualcosa
che mi ha fatta restare.
E sono qui, in un pomeriggio di sabato, a
pensare alla mia città. A tutta l’energia, la pazienza, il tempo che
dedico a queste vie, a queste piazze.
La vorrei diversa, una città senza
colpi di arma da fuoco sparati, in primo luogo. E poi, e poi, ci
sarebbe tanto da dire e l’ho fatto in molte sedi.

In alcuni giorni
finiscono le parole e le idee, chiudo i battenti. Poi mi guardo in giro e
riprendo a sperare.
Lo farò fino a quando sentirò che il mio fare è
utile.
La città deve andare avanti, risorgere. Anche per coloro che sono
andati via, perché sempre torneranno e vorrei che trovassero il sole ad
attenderli.
Daniela Marcone

Facebook Comments

Author: Geppe Inserra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *