La top ten degli articoli più popolari di Lettere Meridiane nel 2019

Print Friendly, PDF & Email

Il 2020 è stato un anno importante, per Lettere Meridiane, forse proprio a causa della pandemia, che ha spinto redattori e collaboratori a intensificare gli sforzi per offrirvi un servizio migliore, che in qualche modo contribuisse ad alleviare il lockdown e il distanziamento sociale.

La risposta di lettori ed amici è stata bella, entusiasmante. Con il vostro consenso ed il vostro affetto, ci incoraggiate a proseguire sulla strada che abbiamo intrapreso, non sempre facile, visto che Lettere Meridiane non gode di alcun finanziamento e nemmeno di introiti pubblicità, e si regge soltanto grazie al lavoro volontario.
Vogliamo ringraziarvi ed augurarvi un 2021 che si porti via le paure, le distanze, le strette di mano e gli abbracci mancati che abbiamo vissuto nell’anno appena trascorso, riproponendovi la top ten degli articoli più letti del 2020.
Sperando che continuiate a sostenerci con il vostro affetto e i vostri consensi anche nei mesi a venire. Per quest’anno coltiviamo un sogno che potrebbe realizzarsi grazie a voi: tagliare il traguardo dei 10.000 followers della pagina Facebook di Lettere Meridiane. È un traguardo difficile, ma non impossibile, visto che siamo a quota 8.400. Per questo vi chiediamo, se non l’avete ancora fatto, di mettere mi piace alla pagina. Intanto, leggetevi o rileggetevi gli articolari più popolari dell’anno scorso. Auguri!

Ecco le pizzerie d’eccellenza della Capitanata, tra Foggia, Gargano e Monti Dauni

La Capitanata settecentesca nelle preziose carte di Giovanni Rizzi Zannoni

1923, un episodio di eroismo alla stazione di Foggia

Foggia a fine ‘800: una piccola città che voleva crescere

Coronavirus: la mappa del “rischio geografico” in Capitanata

Provincia di Foggia, prima nel Mezzogiorno per contagi

Cartellate, non solo un dolce natalizio, ma un virtuosismo culinario

Quando Foggia andava alla Standa

Con le “pettole” il digiuno della vigilia diventa saporito

Pelagosa, l’isola che non c’è (più)

 

 

 

 

Facebook Comments

Author: Geppe Inserra