Anche Foggia ha un’opera di Botero

Print Friendly, PDF & Email

C’è un’opera di Fernando Botero, il grande artista colombiano che si è spento ieri all’età di 91 anni, anche a Foggia. È «La Ballerina», che si trova esposta nella Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Palazzo Dogana.
A volerne l’acquisto fu l’indimenticabile presidente della Provincia, Antonio Pellegrino, nella straordinaria e irripetibile stagione culturale ed artistica che lo vide protagonista.
L’idea iniziale del grande Presidente era di collocare la scultura in quell’altro «gioiello» delle sue iniziative culturali che è il Teatro del Fuoco, recuperato e ristrutturato dalla sua amministrazione.
Per ragioni di sicurezza, si preferì poi sistemare la preziosa opera, particolarmente rappresentativa dell’estetica di Botero, nella più protetta Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, del palazzo settecentesco sede della Provincia, lasciando presso il Teatro del Fuoco una copia dell’opera originale.
L’acquistò maturò grazie ad un fortunato asse che si stabilì tra Foggia e la Versilia, terra cui Botero era particolarmente legato, e che portò anche all’acquisto e alla posa in opera dell’opera d’arte più rappresentativa di quella straordinaria e indimenticabile stagione culturale: «La Genesi» di Jorge Jimenez Deredia, che adorna la nuova sede della provincia in via Telesforo.
Assieme alle grandi tele di Elvio Marchionni esposte nel salone di Palazzo Dogana, anch’esse frutto della lungimiranza, del coraggio, del mecenatismo di quel grande presidente che è stato Pellegrino, le due sculture sono scintille di bellezza che ancora oggi illuminano il grigiore che avvolge la città di Foggia, ricordandoci che la rinascita è possibile.
Geppe Inserra

Facebook Comments

Hits: 0

Author: Geppe Inserra

1 thought on “Anche Foggia ha un’opera di Botero

  1. La cultura ci ripaga sempre e questo è uno di quei casi. Avere un’opera del grande Botero è, a giusta ragione, un vanto per la città e l’Amministrazione che ne decise l’acquisto. Onore quindi al Presidente della provincia di allora: <>.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *