Billa Consiglio (Unesco): “No al ridimensionamento dell’Archivio, coinvolgere le istituzioni”

Print Friendly, PDF & Email

La petizione popolare per impedire il ridimensionamento dell’Archivio di Stato di Foggia veleggia verso le mille firme, arricchendosi di prestigiose adesioni, come quella di Billa Consiglio, presidente del Club Unesco di Foggia. «L’Archivio di Stato e il costituendo museo archeologico nazionale – ha detto Consiglio a  – rappresentano per Foggia e per la sua provincia una irrinunciabile risorsa. Per questo va trovata una soluzione condivisa, che salvaguardi la funzionalità dell’Archivio di Stato e nello stesso tempo possa garantire al Museo una sede idonea».
«Il trasferimento della Biblioteca, degli uffici amministrativi e della sala convegni comprometterebbero seriamente la qualità e l’efficienza dei servizi – aggiunge Consiglio, che in passato è stata Assessore provinciale alla cultura e presidente di Promodaunia. – A mio giudizio è opportuno coinvolgere nella riflessione e nel confronto le istituzioni locali, la Regione, la Provincia, la Città capoluogo, riconsiderando l’intera politica museale del territorio e il ruolo di taluni presidi, come il Museo del Territorio, affinché possano stabilirsi positive sinergie con il Ministero e con le Sovrintendenze.»

Views: 0

Author: Geppe Inserra

1 thought on “Billa Consiglio (Unesco): “No al ridimensionamento dell’Archivio, coinvolgere le istituzioni”

  1. L’Associazione Ipogei di Foggia, sentiti i suoi Dipartimenti, si associa a tutte le altre Associazione ed ai cittadini per gridare con fermezza la propria contrarietà allo “Sfratto” imposto dall’alto verso l’Archiviuo di Stato. Tuttavia il Dott. Luigi R. Colapietro e l’Arch. Franco Lepore, su incarico del Comune di Foggia nel 2017, hanno depositato, come progettisti esperti sul restauro monumentale, le abntiche strutture del Distretto Militare ex convento Francescano. Una soluzione proposta è stata proprio quella di spostare l’Archivio di Stato e /o il Museo nella struttura monumentale da recuperare. Spero che il Sindaco e la Giunta possano prendere in esame tale opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *